Bianco

Bianco

COS'È IL CLAN

Si sono viste biciclette lasciarsi morire sulla tomba del padrone. Man sah Fahrräder, die sich auf dem Grab des Besitzers sterben liessen. On a vu des vélos se laisser mourir sur le tombeau du maître.

venerdì 25 novembre 2011

UFO

Giro d’Italia allo “Space–Electronic”/
Nuovo uomo di Leonardo”-Lavoro sul lavoro,
1970/76








































Gli UFO, gruppo fondato durante le agitazioni studentesche del 1967 alla Facoltà di Architettura di Firenze da Lapo Binazzi (Firenze, 1943), Riccardo Foresi (Firenze, 1941), Titti Maschietto (Viareggio, 1942), Carlo Bachi (Pisa, 1939), Patrizia Cammeo (Firenze,1943) e Sandro Gioli (Firenze, 1939) – fino al 1968 – operano una spettacolarizzazione dell’architettura nel tentativo di trasformarla in evento, azione e spettacolo da strada.
In questa operazione si inseriscono gli Urboeffimeri (1968), Case Anas (1970), Giro d’Italia (1972). Nel 1973 aderiscono alla “Global Tools” nella quale continuano la loro ricerca di avanguardia affiancando al nichilismo progettuale e alla ricerca sul linguaggio un impegno ideologico e un’attenzione particolare verso il comportamento politico e sociale.

UFO were a group found by Lapo Binazzi (Florence, 1943), Riccardo Foresi (Florence,1941), Titti Maschietto (Viareggio, 1942), Carlo Bachi (Pisa, 1939), Patrizia Cammeo (Florence, 1943) and Sandro Gioli (Florence, 1939) – until 1968 – during the student movements of 1967 at the Department of Architecture of Florence. They worked on making a spectacle of architecture in the attempt to transform it in an event, action and street show. “Urboeffimeri” (1968), “Case Anas” (1970), “Giro d’Italia” (1972) are created in this process. In 1973 they join “Global Tools” in which they continue their avant-garde research, uniting an ideological commitment and a particular attention towards political and social behavior with project nihilism and research on language.

Effimero urbano n. 6, 1968, Firenze, Piazza Duomo

giovedì 24 novembre 2011

Bi-Cina

Altre ciclofficine e un reportage di E in Cina.

Un meccanico di biciclette ambulante a Pechino, in Cina.
(Soo Hoo Zheyang, Reuters/Contrasto)








sabato 12 novembre 2011

A Sedriano APRE l'ipermercato, dal 15 novembre






















































































































































Monsignor Father John Onion Road.
















Vincent Van Gogh, 
Natura morta con tavolo da disegno, pipa, cipolle e cera
(Still Life: Drawing Board, Pipe, Onions and Sealing-Wax),
1889,olio su tela, 50 x 64 cm, 
Museo Kröller-Müller, Otterlo, Olanda.

sabato 5 novembre 2011



Caccia al tesoro: chi riesce a trovare l'immagine di GP2 con sei dita pubblicata da un rotocalco italiano una settimana prima dell'attentato in cui venne ferito anche a un dito?
(giuro che è vero ma non la trovo)
No, che io sappia GP2 non andava in bici.

IN ATTESA DELLA NEVE


mercoledì 2 novembre 2011

La mano che firmò il Trattato - Dylan Thomas (1914-1953)


 "La mano che firmò il trattato fece crollare una città
Cinque dita sovrane posero un’ipoteca sul respiro,
raddoppiarono il globo dei morti e dimezzarono un paese;
quei cinque re un re misero a morte.
 
La mano possente conduce a una spalla ricurva,
il gesso contrae le giunture delle dita;
Una penna d’oca ha posto fine al delitto
Che pose fine a ogni negoziato.
 
La mano che firmò il trattato produsse una febbre,
La carestia avanzò, e le locuste giunsero; è grande
La mano che tiene in suo dominio l’uomo
Grazie a un nome scribacchiato.
 
I cinque re contano i morti, ma non possono curare
La ferita incrostata, né spianare la fronte; una mano
Amministra pietà come una mano amministra anche il cielo;
le mani non hanno lacrime da spargere."

domenica 16 ottobre 2011

sabato 15 ottobre 2011

Visione insperata: la Zullo Panta Rei di Marino






































Con brutto tempo e al canto del gallo siamo partiti dalla Piazza Tahrir de' noantri (Loreto), fermati da mille semafori, avvolti nel puzzo dei PM10 più alti del secolo, assordati da moto, spintonati da autobus, accodati dietro ai Tir su stradone poco zitte, per arrivare a Monza dalla parte sbagliata. Stavo per pedalarmene all'indietro. Ma ad attenderci c'era una Zullo, magia di Marino. Bellissima!

giovedì 13 ottobre 2011

martedì 11 ottobre 2011

Anatomia di un Ciclista Lombardo Anonimo (Ohè sun chì)

















  
Ohè sun chì di Enzo Jannacci

Lalala Lalala Laralà Eh!
Lalala Lalala Laralà ... Ohè sun chì
Vignìi giò cun la piena, vignìi giò chì a Milan, chì a Milan
mi g'avevi dü ann forsi tri an apèna....Ohè sun chì
ma quant sun rivàa chì, mi el terun
tegnìi sü 'mè un fagot dal papà
cuntrappes da valis de cartun..pö
pö ho vist i càa tanti càa a ses piàa
i fiulit giugàa tacàa adrèe di tram, su i respingent
dent per dent ho vulü saltà sü cun luur
e da i respingent, cum'è in giostra mi ho vist vulà via la gent
l'era un gran s:ciupàa, l'era un gran scapàa de càa,
de miliun, de felicità... ... ... Ohè, sun chì
vignìi giò cun la piena, vignìi giò 'mè un falket chì a Luret
sì al so l'è un rebelot, la città de Paris l'è un casot
ma anca inscìi, la me pias anca inscìi,
l'è perché la città ghe l'ho dent in di öcc',
de quant s'eri un fiulit e l'ho vista dal tram
tacàa sü el respingent, come in giostra a vulàa
e propi inscì ve la vöri cantàa
ohè, sun chì! L'è chì

















































































   Mario Sironi,
   Il ciclista, 1916-1917.

La maglia di Mario Sironi.